Tether congela $160 mln di USDT sulla Blockchain di Ethereum

Tether congela 3 indirizzi per 160 mln di -

La stable coin ha congelato 3 indirizzi Ethereum nella prima settimana del 2022.

Questo risulta dai dati di Etherescan, un sito che consente di ottenere dati e analisi degli scambi che avvengono sulla Blockchain Ethereum.

Quali sono le conseguenze di questo Freeze?

Semplice, gli account ora non saranno in grado di movimentare i propri Tether, per un valore totale di 160 milioni di dollari.

Sembrerebbe non essere la prima volta che Tether sceglie di congelare alcuni account, anzi, secondo quanto riportato da Bloxy.info sarebbero 563 gli indirizzi già congelati.

Per esempio, solo lo scorso Dicembre è stato bloccato un solo account per un totale di 1 milione di dollari.

Perchè Tether congela indirizzi?

Tether è una stable coin che viene emessa su diverse blockchain ed utilizza il meccanismo di congelamento dei conti come sicurezza e tutela da possibili furti di criptovalute.

La creazione di una lista nera è avvenuta a seguito di una violazione del novembre 2017 in cui l’azienda ha affermato che $ 30 milioni di USDT sono stati rubati.

Pare inoltre che le richieste di freeze provengano direttamente dalle Forze dell’ordine, secondo quanto riportato in una mail da un portavoce di Tether:

“Oggi, Tether ha congelato tre indirizzi sulla blockchain di Ethereum contenenti $ 160 milioni di dollari su richiesta delle forze dell’ordine. Al momento non siamo in grado di rivelare ulteriori dettagli”

come fare soldi facili
Come fare soldi facili – La guida definitiva 2022

Come fare soldi facili, la guida definitiva del 2022. Non potevamo non trattare questo argomento che…

Guida passo passo per vendere NFT
Guida passo passo su come vendere NFT 2022

Benvenuti in questa nuova guida passo passo su come vendere NFT. In questa guida vedremo come vender…

I migliori marketplace nft
Guida ai migliori Marketplace NFT del 2022

La necessità di creare una guida su i migliori Marketplace NFT nasce dal fatto che, nell&rsqu…

Conclusione

Questo specifico caso, ma non solo, tutti i 563 freeze che ci sono stati finora, aggiungono un tassello a quello che è lo scenario delle criptovalute.

Siamo davvero sicuri che siano decentralizzati e lontani da qualsiasi organismo di controllo?

Questi eventi possono verificarsi solo con delle stable coin (criptovalute legate a dollari e quindi soggette ad alcune regole) o possono verificarsi con qualsiasi cripto?

Da un lato c’è un certo livello di sicurezza che viene mantenuto, dall’altro, l’elemento cardine delle criptovalute (la decentralizzazione) viene a mancare, voi cosa ne pensate?

Lasciate un commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.