Home » Risparmiare sulla spesa – 3 trucchi efficaci

Risparmiare sulla spesa – 3 trucchi efficaci

Risparmiare sulla spesa

Risparmiare sulla spesa può diventare una importante fonte di riduzione dei costi in generale, utile per diversi aspetti.

Innanzitutto è possibile alimentare un fondo di emergenza lì dove è necessario;

Per esempio per chi non lo ha ancora creato, o per colori i quali ne dispongono già ma sentono di doverlo aumentare a causa dei rischi finanziari che possono verificarsi in questo periodo.

In secondo luogo, ed è la parte che più apprezziamo, il risparmio ci porta a possedere molta più liquidità che può essere destinata all’investimento.

In terza analisi, seguendo una ricerca ISTAT pubblicata nel 2021 verifichiamo alcuni dati:

Le famiglie italiane in media al mese spendo 467,56€ per la spesa di alimenti e bevande analcoliche.

A questi vanno sommati 103,66€ di mobile e servizi tra cui quindi facciamo rientrare i prodotti per la cura della casa.

Il totale è di 571,22€ al mese per circa 6854,64€ all’anno.

Alla fine dell’articolo verificheremo quanto sia possibile risparmiare di questi quasi 7000€, grazie ai metodi citati in basso.

In precedenza abbiamo già parlato di risparmio in generale, per leggere di più clicca qui.

Oggi però trattiamo del risparmio sulla spesa, cioè di come ridurre i soldi che spendiamo per lo shopping senza ridurre il numero e la qualità degli oggetti che acquistiamo.

In maniera particolare ci concentreremo su quella che è la spesa da supermercato;

Quindi principalmente:
-Alimenti
-Prodotti per la cura della persona
-Per la cura della casa

Risparmiare sulla spesa

Risparmiare sulla spesa

Nei capitoli che seguono tratteremo in maniera particolare 3 trucchi specifici per risparmiare sulla spesa.

Inoltre sarà presente del materiale bonus ed un paragrafo di stime di risparmio.

Sarà possibile in questo articolo non solo capire come risparmiare sulla spesa, ma anche quanto, in numeri, si possa risparmiare.

Inoltre consigliamo di redigere un bilancio familiare o comunque sia legato alla spesa utilizzando software per pc o più comodamente App per smartphone.

Se non sai come fare leggi il nostro articolo Risparmiare soldi.

Consiglio numero 1 – Controllare i volantini online per risparmiare sulla spesa

Il primo consiglio è quello di controllare i volantini online.

È un passaggio molto semplice ma che in tanti ignorano, nonostante sia il primo grande passo per un efficace risparmio.

Innanzitutto basta pensare ai supermercati che frequentate di solito, poi cercare su Google: Nome del supermercato + volantino.

Ovviamente noi in generale parliamo di supermercati, ma il concetto è valido per tutti quei negozi che dispongono di volantini online.

Nel caso di market di quartiere, i cosiddetti “alimentari”, di solito, sono già in partenza più costosi rispetto alle catene più note.

Quindi vi sconsigliamo di fare lì la spesa se volete puntare al risparmio;

Se poi la vostra spesa si basa su altre ideologie, ben venga il supporto ai piccoli negozi.

Tornando a noi, ecco alcuni siti sulla quale potrete trovare i volantini (nessuno sponsor):

DoveConviene.it molto facile da usare, potete cercare direttamente il nome delle catene di supermercati oppure la città che vi interessa, ottenendo tutti i risultati.

promoqui.it

Ancora più semplice del precedente.
In alto ha una barra di ricerca “Trovami”.
Basta inserire il CAP ed il gioco è fatto, avrete a disposizione tutti i volantini della vostra città e di quelle vicine.

Altre alternative simile son volantinofacile.it e centrovolantini.it

Il nostro consiglio è quello di visitare tutti questi siti e scegliere quale sia il migliore per voi;
Cioè quello che trovate più facile da utilizzare.

Considerate che molte delle offerte che trovate sui volantini sono a livello nazionale, anche se è utile verificare che sia presente la stessa offerta sul volantino della vostra città.

Inoltre consultate il vostro App Store o Play Store per verificare se vi siano app di volantini.
Molto più comode da consultare su smartphone che su pc.

Leggi anche Investire in azioni Amazon.

Consiglio numero 2 – Individuare un prezzo medio dei prodotti

Una volta che avete di fronte tutti i volantini dei supermercati della vostra città o del vostro quartiere, passate alla seconda fase:
Individuare il prezzo medio dei prodotti che acquistate di solito.

È necessario prima di tutto redarre una vostra lista della spesa “tipo”, cioè tutte le cose che acquistate frequentemente in un supermercato.

Il consiglio è quello di aprire il frigorifero, la dispensa, andare in bagno e vedere tutto ciò che manca. (Abbiamo aggiunto il bagno per fare riferimento a tutti i prodotti per la cura della persona e della casa).

Fatto questo avrete dei prodotti di riferimento. Ora, consultate il prezzo di questi prodotti sui vari volantini, e fate una media.

Esempio:
Caffè Kimbo 250g x 2 costa 3€ e 68 centesimi al Conad, 3 e 90 all’Auchan, 3 e 48 al Tigre e infine 3 e 52 al Famila.

La media dei prezzi dello stesso prodotto tra tutti i supermercati citati è: € 3,645.

Che cosa ci indica questo prezzo? Dovremo visitare quei supermercati che riportano questo prodotto ad un prezzo inferiore di 3 euro e 65, nel nostro esempio Tigre e Famila.

Basta fare questo ragionamento per la maggior parte dei prodotti della nostra lista, meglio se per tutti o, se non vi va di farlo, almeno per quelli più costosi.

Questo metodo ci porterà a selezionare matematicamente il supermercato dove risparmieremo di più. Per questo, però, i volantini non bastano.

Molti prodotti presenti su di un volantino non sono presenti su un altro, quindi è possibile sapere il prezzo di X all’Auchan ma non al Carrefour, perché i volantini riportano solo le offerte, non tutti i prodotti.

Questo va a complicarci un po’ il lavoro, alla fine dell’articolo c’è un bonus che spiega come risolvere il problema.

Leggi anche Guadagnare con NFT.

Consigli numero 3 – Scegliere il supermercato che ha i prezzi più bassi

Scegliere il supermercato che ha i prezzi più bassi

La scelta del supermercato per risparmiare sulla spesa è già stata anticipata nel paragrafo precedente, si basa su:

  • metodo del prezzo medio (consiglio numero 2)
  • Distanza casa supermercato
  • Scadenza dei prodotti
  • Carte fedeltà e relativi bonus

Del primo punto abbiamo parlato abbondantemente mentre del punto due, quello relativo alla distanza, c’è poco da dire.

Distanza casa supermercato

È necessario che scegliate il supermercato anche in base alla distanza tra questo e casa vostra.

Siete abituati a fare la spesa a piedi? Allora limitatevi a quei supermercati raggiungibili a piedi.

Questo perché prendere l’auto per uscire a fare la spesa non ha molto senso in questo caso.

Ha senso quando, una volta affinati i metodi, saprete individuare con certezza tutti i prezzi dei prodotti, e determinare quando sia conveniente acquistarli.

Inoltre questo è un tipo di spesa che non si fa tutte le settimane, ma anche solo una volta al mese e si acquistano grosse quantità di prodotto, proprio per aumentare il risparmio.

In questi termini ha molto senso seguire tutti i consigli che vi abbiamo già dato, nel giro di un anno gli effetti saranno molto pesanti nel vostro portafogli.

Scadenza dei prodotti

Può sembrare strano, ma questo è un fattore che incide molto sulla scelta del supermercato.

La maggior parte dei prodotti freschi ha una scadenza molto breve, inferiore ad un anno nella maggior parte dei casi.

Alcuni supermercati, quelli meno curati, o che hanno carenza di personale, non riescono a sostituire in tempo i prodotti negli scaffali, che nel frattempo scadono.

Potrebbe sembrare un’evento raro, ma quante volte vi è capitato di trovare dei prodotti scaduti a casa vostra?

E quanto volte questi sono realmente scaduti a casa vostra, e non al supermercato?

È un fattore quindi che ci sentivamo di aggiungere e alla quale i consumatori devono fare sempre massima attenzione.

Carte fedeltà e relativi bonus

Anche questi elementi sono utili a verificare se un supermercato sia più conveniente rispetto agli altri.

Molti sostengono un programma fedeltà davvero serrato che può generare molti sconti e quindi un risparmio sulla spesa.
In questo caso però non possiamo consigliarvi un supermercato in particolare, anzi, ha più senso che voi partecipiate a tutti i programmi fedeltà dei supermercati.

Se poi, uno in particolare sarà più frequentemente degli altri la vostra scelte per le spese allora riuscirete ad ottenere sconti ulteriori.

Evento che non si verifica nel caso in cui, con i metodi spiegati sopra, i prezzi vi portino a scegliere di volta in volta dei supermercati differenti.

Eventualità che tra l’altro può verificarsi anche in base a determinati periodi dell’anno.

Magari nel periodo natalizio ci sono supermercati più conveniente rispetto ad altri, e viceversa in altri periodi dell’anno.

BONUS – Come risolvere il problema dei volantini

Sopra abbiamo già detto quanto sia difficile individuare il prezzo medio di un prodotto facendo affidamento ai volantini online.

Questo perché non tutti i volantini riportano gli stessi prodotti.

Per risolvere questo problema è necessario tenere sempre di riferimento la lista della spesa “tipo”, di cui abbiamo parlato sopra.

Sta volta, sulla stessa lista, riporteremo tutti i prezzi che di volta in volta paghiamo per i singoli prodotti, come uno storico dei prezzi.

In questo modo vedremo, per esempio, che il prodotto X viene pagato, di solito, intorno ai 2,90€.

A questo punto sappiamo quanto costa un prodotto nella media, e sappiamo anche con precisione che, per risparmiare sulla spesa, bisogna comprare quel prodotto quando è venduto a meno, e non di più.

Un altro consiglio generale che deriva da quest’ultimo è quello di conservare ogni volta gli scontrini fiscali e le ricevute di ogni tipo.

Sono documenti essenziale per creare quello che è il nostro piccolo archivio prezzi sulla nostra spesa.

Quanto si riesce a risparmiare con questi consigli?

I trucchi da noi riportati sono davvero le migliori linee guida che esistano per il risparmio sulla spesa.

Abbiamo stimato in base ai dati ISTAT riportati sopra e ad alcune stime che, seguendo tutti i metodi il risparmio minimo sia del 30%. Vale a dire, secondo quanto detto nel primo paragrafo, un risparmio minimo di circa 2056,39€.

A pensarci bene questa è davvero una cifra enorme, che molti “sprecano” non prestando la giusta attenzione alla spesa.

Applicando invece, non tutti i trucchi, ma solo alcuni, come quello del prezzo medio però applicato sempre allo stesso supermercato si riesci ad arrivare ad un risparmio del 10% (685,46€ annui).

Ovviamente le cifre di risparmio aumentano di molto nel caso in cui a fare la spesa siano famiglie molto numerose o composte da singoli componenti.

Ebbene sì, a fare la spesa da soli si consuma di più che a fare la spesa in famiglia.

Se ci pensate bene la maggior parte dei prodotti è pensata per le famiglie, non per i single, quindi si verificano sprechi di prodotto, ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *