Home » Come risparmiare soldi ogni mese: 3 consigli veloci

Come risparmiare soldi ogni mese: 3 consigli veloci

Come risparmiare soldi ogni mese

Come risparmiare soldi ogni mese?

Risparmiare soldi è la prerogativa di chi ha un obiettivo “costoso”; un’auto nuova, una vacanza o magari semplicemente cambiare smartphone o pc.

Ma è anche il primo passo verso una gestione finanziaria più forte, capace nel tempo e silenziosamente di cambiare la condizione di chi la adopera.

Oggi scriveremo di 3 tecniche per risparmiare soldi, indipendentemente da quale sia il vostro obiettivo.

Queste tecniche, tra l’altro, possono essere applicate una alla volta che tutte insieme, data la loro complementarietà.

Come risparmiare soldi ogni mese: cosa sapere

È importante illlustrare prima un certo scenario economico per comprendere al meglio l’importanza del risparmiare soldi e perchè tutti dovrebbero farlo.

Il ragionamento è molto semplice; non esiste stipendo o entrata che tenga, se non esiste un serio metodo di risparmio, perchè?

Perchè potete guadagnare anche 5.000€ al mese, di questi tempi non sono pochi, ma se a fine mese non siete riusciti a mettere da parte nemmeno 200€ la situazione è grave.

Lo stesso vale per stipendi molto inferiori, purtroppo quelli a cui siamo più abituati.

Generare 1000€ di entrate mensili da lavoro dipendente, e non riuscire a mettere da parte nemmeno 100, o 50€ a fine mese, è un problema.

Questo principalmente per due motivi:

  1. Questa condizione non vi farà mai predisporre un fondo di emergenza. E no, non è necessaria un’altra pandemia o un terremoto affinchè si riveli utile un fondo del genere; Si pensi alle multe, agli imprevisti della vita, magari un riparazione improvvisa alla vostra auto, o dover sostituire il vostro pc prima del tempo, a causa di un guasto; bene, avere da parte un fondo di emergenza che si costruisce giorno per giorno serve proprio a questo.
  2. Problema più grave, non disporrete mai di una somma da investimento. Capisco che 1000€ al mese sono pochi, è una somma per cui ci si chiede se si arriverà a fine mese piuttosto che pensare ad investire; ma riuscire a rosicchiare da quella cifra anche solo 50, o 100€ come detto precedentemente fa davvero tanto….

L’importanza della quota di taglio per risparmiare soldi

Il primo passaggio, per sapere come risparmiare soldi ogni mese, è quello di determinare la quota di taglio, ovvero quanto è possibile rosicchiare dalle nostre entrate mensilmente o magari annualmente, per chi non genera entrate mensili (es. imprenditori).

Perchè fare questo? Perchè mettere da parte il 10% dello stipendio è diverso rispetto al mettere da parte il 50%.

La prima quota (10%) è semplice da raggiungere, forse non genererà un grosso risparmio, ma ha dalla sua il fatto che non rappresenterà un grossa mancanza nelle vostre tasche.

Nel secondo caso, risparmiare il 50% delle entrate, potrebbe portare paradossalmente ad un indebitamento e credeteci, non sono poche le situazioni del genere create da improvvisi attacchi di avarizia. (o meglio, create dalla mala gestione delle proprie finanze).

Bisogna comprendere esattamente qual è la soglia delle nostre uscite, cos’è che possiamo ridurre e fare tante altre analisi; non si può decidere prima quanto risparmiare, per poi verificare di dover fare una vita che non si vuole.

Se siamo abituati a cenare fuori il fine settimana, a comprare quache indumento nuovo ogni mese, non ha senso impostare una quota di risparmio alta che ci vieterebbe di svolgere questo tipo di attività;

È semplicemente stupido scambiare un benessere mentale e sociale con uno puramente economico, o meglio, sarebbe l’ideale, ma se non l’abbiamo mai fatto è chiaro che potrebbe risultare dannoso.

Bisogna procedere per fasi, e mettere da parte ciò che si può, senza forzare il maialino del salvadanaio.

Punto 1 – Individua un bilancio personale

mettere da parte soldi

Il primo passo quindi è capire quanti soldi entrano e quanti soldi escono mensilmente.

Sulla base di questo è possibile impostare un taglio a favore del nostro risparmio.

Qualsiasi quota che a fine mese risulti inutilizzata è già bella che destinata al nostro “luogo di risparmio“, più avanti vedremo di cosa si tratta.

Esempio pratico.

+ Genero delle entrate di 500€ al mese, come studente universitario, facendo qualche lavoretto pochi giorni alla settimana per i miei vicini di casa.

Al di là del discorso sulle tasse che ci sono o meno da pagare, a fine mese di quei 500€ me ne rimangono 70 nel portafogli.

Questa è la cifra naturalmente destinata al risparmio, perchè è il risultato tra le entrate e TUTTE le spese che devo sostenere, senza togliere nulla.

+ Un altro esempio può essere quello di un lavoratore a tempo indeterminato, lo chiameremo Ernesto, per comodità;

Ernesto genera entrate (derivanti solo dal suo stipendio) pari a 1.600€, dai quali però non riesce a ritagliare nulla, a fine mese si trova in tasca 0€.

Bene, in entrambi i casi è stata fatta una fotografia di quella che è la situazione economica mensile di questi due soggetti, lo stesso dovrete fare voi.

In maniera naturale, cioè senza forzare ancora la mano sul risparmio, senza dar troppo conto alle spese, quanto vi resta in tasca a fine mese? È da lì che si parte.

Punto 2 – Taglia e cuci

come risparmiare soldi ogni mese

Entriamo ora nella fase più calda.

Bisogna innanzitutto approfondire quel bilancio che precedentemente abbiamo raccontato. Non si parla più di capire le entrate e le uscite mensili, bisogna assegnare una etichetta alle uscite, capire dove finiscono i nostri soldi.

Proseguendo con l’esempio di Ernesto i 1.600€ sono così gestiti mensilmente:

415€ di affitto (media nazionale, fonte: idealista.it)

95€ spese per l’auto (la usa poco)

150€ spese per 1 figlio piccolo

400€ di spesa per la casa (cibo, prodotti per la pulizia, ecc.)

140€ di abbonamenti (netflix, amazon, dazn, sky, spotify ecc.)

200€ bar/ristoranti

200€ abbigliamento

Come vedete alla fine non è una bruttissima gestione, ma persiste un errore molto grave, l’assenza di risparmio, che deve esistere come quota in questo bilancio improvvisato, seppur piccola.

È il momento di tagliare qualche spesa.

Logicamente ci sono delle spese che sono fisse e solide come la roccia, per esempio l’affitto, dalla quale non è possibile togliere nulla.

(si potrebbe fare una proposta al proprietario di casa ma ho la sensazione che nel 99.9% dei casi vi risponda con un sonoro “NO”).

Idem per la quota desistanata alle spese auto abbiamo calcolato circa 60€ di carburante (diesel) e 35€ di manutenzione mensile.

Cifra poco realistica considerata nel singolo mese, ma se si fa il riferimento all’intero anno, al di là di possibili guasti importanti ed incidenti; è plausibile che una famiglia spenda 350€ annui di manutenzione.

Su altre spese è possibile ragionare invece.

Disdire abbonamenti che non si utilizzano molto, organizzare meglio il proprio shopping, saltare una tantum un uscita al bar o al ristorante.

L’esempio di Ernesto è valido per tutti.

Abolire i vizi

abolire i vizi

Piccola parentesi che tutti voi già conoscerete.

La prima fonte di risparmio per chi ha vizi è quella di eliminarli.

Droghe, alcol, sigarette, giochi d’azzardo, sono i principali impedimenti di chi vuole mettere da parte soldi e risparmiare qualcosa per la fine del mese.

Non credo serva prolungarci molto su questo aspetto, andiamo avanti.

Metodo numero 1 per risparmiare ogni mese: Rendicontare spese ed entrate

Tutto quello di cui abbiamo parlato sopra, scrivere le entrate e le uscite, ma in maniera chirurgica.

È richiesta una precisione alla virgola, anche solo 10€ in più o 10€ in meno al mese faranno la differenza quando saprai come e dove investirli.

Vediamo quali sono gli strumenti che corrono in nostro aiuto:

  1. Excel, programma di Microsoft oramai conosciutissimo. Ha senso utilizzarlo quando a fine mese si snocciolano tutti gli scontrini, le ricevute e le mail riepilogative messe da parte. Quindi ci si prende un ora almeno di tempo, ci si siede davanti al pc e si crea un modello molto simile a quello che vedete in foto.
risparmiare soldi, rendicontare entrate e uscite, mettere soldi da parte

Anzi, per ottenere questo template molto accurato, diviso in 4 fogli, seguite i seguenti passaggi:

Apri excel ➜ File ➜ Nuovo ➜ Nell barra di ricerca scrivere “Famiglia” ➜ Selezionare il modello che si chiama “Budget mensile per la famiglia“.

Ci sono modelli ovviamente per ottenere anche un bilancio personale, anche se quello sopra va bene sia per famiglie, che per coppie, che per single. Non cambia nulla.

2. Apllicazioni “wallet”

Molti non avranno la possibilità di conservare ogni ricevuta ed ogni scontrino, soprattutto perchè in Italia non è facile farseli fare per le piccole transazioni. Si pensi al caffè al bar o al casello dell’autostrada che non rilascia alcuna ricevuta se si paga in contanti. Quindi non è possibile sfruttare le ricevute come promemoria.

Bisognerà dunque utilizzare della applicazioni, che trovate sia su AppStore che su Play Store, chiamate appunte Wallet, cioè: portafogli.

La difficoltà sta nel ricordarsi dunque, ad ogni spesa effettuata, e ad ogni entrata ricevuta, di rendicontare tutto in queste app, sotto le dovute categorie, per organizzare tutto al meglio.

Non ci va di suggerire altri strumenti perchè, benchè essi esistano, crediamo che questi due siano i più facili da applicare, i meno laboriosi.

Leggi anche “Comprare oro: i 3 modi per farlo“.

Questo perchè, segnare le uscite e le entrate può essere noioso, e può diventare una abitudine di breve durata, che si perde subito, soprattutto per chi si trova a doverlo fare per un intera famiglia.

Metodo numero 2: Eliminare le uscite eliminabili

eliminare le spese per mettere da parte soldi

Anche di questo abbiamo già parlato sopra.

Il metodo 1 ed il metodo 2 sono strettamente collegati tra loro.

Rendicontare le entrate e le uscite, chiaramente, non porta in maniera diretta a risparmiare soldi.

Ma porta a verificare da dove prendiamo soldi e dove li mettiamo.

Questo ci aiuta a capire se possiamo prendere più soldi da dove li prendiamo ora (investimenti, stipendio, rendite passive, ecc.) o mettere meno soldi dove li mettiamo ora (spese in eccesso).

È il momento quindi di eliminare le spese eliminabili per mettere soldi da parte.

Breve elenco di spese da ridurre o eliminare:

  • Auto, contrariamente a quanto si pensi, le auto non sono delle attività ma delle passività. Destinare meno soldi alle auto consente di aumentare di molto la nostra capacità di risparmiare soldi. Vuoi cambiare auto quando quella vecchia funziona ancora? Magari solo per toglierti uno sfizio? Capirai che non serve, se vuoi davvero risparmiare soldi. Lo stesso vale per un utilizzo superfluo che si fa della stessa. Camminare quando si può, ed evitare l’auto, fa si che sia le spese di carburante che di manutenzione crollino a picco. Inoltre…cambiare un auto di grossa cilindrata, magari dalla manutenzione costosa, con una nuova, che però gode di spese di mantenimento nettamente inferiori… beh, anche questa può essere un ottima strategia.
  • Vizi, come già detto sopra, sono la parte più costosa. Smettere di fumare fa risparmiare in media 1.250€, seconda quanto riportato da questo articolo di Ansa.it. Smettere di giocare d’azzardo fa risparmiare in media 1.830€, che è la spesa media pro capite per questo vizio, secondo questo articolo. Meno corposi invece i risparmi su droga e alcol ma con quei vizi, così come fumo e ludopatia, non si perdono solo soldi, ma tutto quello che c’è di bello nella vita.
  • Abbonamenti… dai capirete anche voi che non ha senso pagare l’ira di dio al mese per avere sky, dazn, spotify, amazon prime, netflix e tanti altri… insomma, se volete mettere da parte soldi qualche abbonamente lo dovrete disdire prima o poi.
  • Ristoranti e bar, questo solo per i frequentatori più assidui, perchè in realtà crediamo sia giusto recarsi in questi luoghi e spendere. Innanzitutto perchè fa bene all’economia del Paese, che come abbiamo visto durante il lockdown, abbiamo scoperto essere basata interamente su parrucchieri, estetisti e ristoratori (sarcasmo). In secondo luogo fa bene passare dei momenti in compagnia di amici o magari della propria famiglia in questi luoghi, ci dà ancora l’impressione di capire la realtà che ci sta intorno, nonostante la tecnologia incomba nelle nostre abitudini. Quindi risparmiate su questo tipo di uscite solo se siete quei classici tipi che vanno a cena 3/4 volte a settimana e non si perdono mai l’aperitivo, tutti i giorni. Serve davvero? In alcuni sì, quello coi colleghi, per conoscerli meglio magari, con i clienti, per lavoro, ma tutti gli altri possono essere saltati di tanto in tanto.

Per ora ci fermiamo qui, sarà il vostro bilancio o rendiconto economico che vi dirà quale spesa sarà la più “eliminabile” tra le altre.

Ricordate però il discorso sulle quote di taglio (tornate a leggerlo sopra se l’avete saltato), non tagliate nè troppo e nè troppo poco alle vostre spese, ne potrete risentire sul piano sociale e del benessere psico-fisico.

Metodo numero 3, il migliore: Piano di accumulo

Tra tutti i metodi per mettere soldi da parte questo è quello che più consigliamo…

Che cos è un piano di accumulo? Beh, in finanza ha un significato preciso, noi oggi però applichiamo questo concetto nella finanza personale.

Molto semplice da comprendere, ve lo spieghiamo brevemente.

Fissate una quota che sapete di poter raggiungere durante il mese e generate una nuova uscita.

Avete capito bene, generare questa uscita vi farà risparmiare soldi.

Esempio:

Sempre il nostro caro Ernesto, che abbiamo citato precedentemente, fissa una quota di 200€ mensili da dovere mettere da parte attraverso un Piano di Accumulo giornaliero.

Questo significa che dovrà mettere da parte circa 6 o 7€ al giorno.

Ci riuscirà? 100% sì!

Questo perchè quando durante l’arco della giornata si trova a dover spendere quella cifra, per esempio per un aperitivo, un pacco di sigarette o magari un gratta e vinci lui si ricorderà del suo piano di accumulo, e preferirà metterli da parte.

Come si fa nel concreto?

Semplice, vecchio metodo si crea una sorta di salvadanaio, o magari si utilizzano delle cassette o cassaforti a disposizione in casa.

Altro metodo è quello di utilizzare direttamente la propria carta, per esempio Hype permette di impostare un obiettivo di risparmio che raggiungerà da sola.

Cioè prende in automatico quei 6/7€ dal nostro saldo e li vincola, fino a quando noi non decideremo di svincolarli.

Lo si può fare quindi mensilmente, impostando un risparmio di 200€, o annualmente, impostando un risparmio di 2400€ che Hype vincolerà fino al raggiungimento, o fino a quando lo vorrete voi.

Molto utile. Non è l’unica carta che consente di fare questo, anzi, siamo sicuri che tutte le carte prepagate di nuova concezione abbiano una funzione molto simile al loro interno (App).

Iscriversi ad Hype tra le altre cose (ad oggi) fa guadagnare 25€! Quindi oltre a suggerirvi come risparmiare soldi ogni mese vi abbiamo dato un metodo per guadagnarli! Prego.

Conclusione

Questo metodo quindi vi consentirà negli anni non solo di risparmiare soldi, ma di generare un vero e proprio patrimonio.

Da lì in poi si disporrà quindi di una somma da investire, quella messa da parte sinora.

Immaginate di porvi un obiettivo a breve termine, 3 anni circa.

Fino a lì avrete messo da parte 7.200€, che potrete versare come somma iniziare di un Piano di accumulo finanziario, che genera circa il 7% annuo (esempio). Oltre alla somma iniziale continuerete a versare quei 200€ al mese.

Bene, facendo questo per 10 anni verserete un totale di 31.200€, generando però interessi per 17.886,52€, quindi in totale otterrete 49.086,52€! Non solo i 31k versati quindi.

È la magia dell’interesse composta, di cui in questo blog trattiamo molto.

Vi lascio la calcolatrice che ho usato io per fare questo calcolo.

Inoltre sotto questo post per la privato volta abbiamo inserito una sezione commenti, che non è presente in nessun altra pagina del sito, quindi approfittatene per lasciare un commento!

Cosa ne pensate del sito? Quali argomenti volete che approfondiamo? Siamo tutt’orecchie, anzi, tutt’occhi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *